Tutti i prossimi eventi:

Gif 14

vedi il calendario (clicca QUI oppure sul pulsante a destra)    

 

 Articoli nuovi qui sotto 

(ARTICOLI VECCHI - per visionare le pagine più vecchie di questo sito andare in basso e cliccare su Prec 1 2 3 ecc. La pag 2 è quella più recente, poi via via seguono la 3, la 4 ecc)

  Vuoi essere aggiornato sulle nostre iniziative?  

  iscriviti alla Newsletter  

 

22 maggio 2016

Gita-pellegrinaggio associati ANPI Legnano

a Selvino (BG)

 

 

La colonia “Sciesopoli” per i bambini ebrei rimasti orfani e sopravvissuti alla Shoah.
Ottocento bambini ebrei vi giunsero da ogni parte d’Europa. 

 

 

  

 

I BAMBINI ORFANI DELLA SCIESOPOLI 
Al termine della Seconda Guerra Mondiale, dall’autunno del 1945 all’autunno del 1948, la “Sciesopoli” divenne la “Colonia Ebraica”, come dicono i documenti “il più importante orfanotrofio in Italia, uno dei maggior in Europa”, e offrì ospitalità, rifugio e ritorno alla vita a circa 800 bambini ebrei orfani sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti. Le organizzazioni partigiane ed ebraiche, che li avevano raccolti, li portarono lassù, per ritornare alla vita, prima di riprendere il loro viaggio e giungere finalmente in Palestina. Erano bambini perlopiù polacchi, ungheresi, rumeni, che nulla capivano della lingua italiana, ma ai loro occhi il verde dei boschi intorno a Selvino, il bianco della neve sui Monti Podona e Poieto, il giallo dei giorni d’estate all’ombra degli abeti, il rosso delle foglie dei faggi in autunno, divennero i colori della vita, un arcobaleno dopo il nero dei giorni della “Shoah.” Qui i bambini ripresero a studiare, a creare, costruire piccoli manufatti, ad imparare, al fine di fornire loro ogni possibilità di intraprendere una vita dignitosa e autonoma. Gli anziani del paese si ricordano ancora di quelle volte in cui, ragazzini del posto timidi e impacciati, venivano invitati ad assistere ad un film in compagnia dei piccoli della “Sciesopoli”. Dicono: “Non capivamo una parola ma per noi figli di contadini, abituati a lavorare duramente nei campi fin dall’età di 4 o 5 anni, era un divertimento puro, un paradiso.” Raccontava al settimanale “Gente” nel giugno del 1995 (in occasione del Cinquantesimo Anniversario) la maestra Angela Camozzi: “Erano tutti magrissimi, con le guance scavate e lo sguardo triste. Molti di loro avevano visto i genitori entrare nei forni crematori e nelle camere a gas. Me lo raccontavano in un linguaggio fatto di gesti e di qualche parola in italiano, tra lacrime disperate. Piangevano spesso. Mentre erano impegnati in una partita di calcio o seduti davanti al cinema della colonia, davanti a una comica di Stanlio e Ollio, qualcuno all’improvviso veniva colpito da una crisi di pianto.”    ...      
continua...

(TRATTO DA http://www.comunediselvino.it/it/Principale/

Il_turista/Cultura/Sciesopoli/appronfondimento_sciesopoli/

appronfondimento_sciesopoli.aspx )

 

 

Per saperne di più:

 

http://www.sciesopoli.com

 

 

    

 

 

 

Pellegrinaggio ai lager nazisti

ARTICOLO (e ulteriori foto) TRATTO DA

http://www.legnanonews.com/news/1/59006/pellegrinaggio_ai_lager_nazisti

 

 

Si è concluso da pochi giorni il Pellegrinaggio promosso dall’Amministrazione comunale e dall’Anpi di Legnano in Austria e Germania all’interno di alcuni lager nazisti. In rappresentanza del Comune di Legnano la consigliera Tiziana Colombo.

Dal 13 al 16 maggio sono stati visitati i lager di Bolzano, Ebensee, Gusen, Hartheim, Mauthausen e Dachau. Hanno partecipato docenti e studenti di alcune scuole di Legnano: Bernocchi, Dell’Acqua, Galilei e Barbara Melzi.

L’esperienza che è stata maturata è servita agli studenti per riflettere sulla natura ideologica e politica del nazismo, di cui i lager rappresentano la più compiuta realizzazione con la loro struttura volta all’annientamento degli oppositori politici, degli ebrei e di tutti coloro che non si uniformavano al “verbo” nazista.

Nei lager visitati sono stati deportati anche molti operai di Legnano che ebbero il coraggio di scioperare nel gennaio e nel marzo del 1944 nel momento in cui nelle fabbriche dominavano le autorità tedesche e fasciste inclini a considerare gli scioperanti “nemici irriducibili del Reich”. Erano invece operai delle maggiori fabbriche di Legnano che chiedevano migliori razioni alimentari, qualche diritto di tutela sindacale, orari di lavoro meno opprimenti.

Trentacinque di loro, dall’autunno 1943 alla primavera del ’45, finirono prevalentemente a Mauthausen e più della metà morì di sottoalimentazione, lavoro schiavile, violenze di ogni genere, malattie.

Il Pellegrinaggio, con la deposizione di una corona d’alloro a Mauthausen, ha voluto ricordare ai giovani studenti presenti altri giovani lavoratori e partigiani che settant’anni fa fecero una scelta, dettata dalla dignità, e pagarono con la deportazione e la vita.

Giancarlo Restelli, Paola Secol, Gabriella Oldrini

La Costituzione sui banchi di scuola

ARTICOLO (con ulteriori foto) TRATTO DA 

http://www.legnanonews.com/news/8/58858/la_costituzione_sui_
banchi_di_scuola

 

 

Più di 100 copie della Costituzione Italiana consegnate stamattina, venerdì 13 maggio, agli studenti delle classi terze medie dell'Istituto Dante Alighieri di Legnano.

 

Un momento di educazione civica organizzato dal dirigente scolastico Armando De Luca che, con la chiusura dell'anno scolastico, andrà in pensione.

Nell'aula magna della scuola hanno presenziato l'assessore all'Istruzione Chiara Bottalo, il comandante della Stazione Carabinieri di Legnano Carmelo Caracciolo e il vice presidente dell'Anpi Sergio Comerio. Con loro a ricordare la recente gita scolastica a Fondotoce, il socio dell'Anpi Arturo Oldani, impegnato nelle scuole a divulgare gli episodi più significativi della lotta partigiana.

A margine dell'iniziativa il preside De Luca ha ricordato che il suo mandato terminerà a fine agosto. «Dopo 41 anni di lavoro nel mondo della scuola, entro l'estate, lascerò questa scuola per andare in pensione - racconta De Luca -. Per legge non potrò prorogare il mio mandato e, se devo essere sincero, mi dispiace. Ho visto crescere numerose generazioni di piccoli legnanesi. Ogni insegnante lo sa: questo è un lavoro di passione e costanza. Nella mia carriera ho fatto 29 anni di insegnamento, di cui 18 da vice preside alla Bonvesin De La Riva. Poi 12 da dirigente scolastico, di cui tre alle Tosi e quindi alle Dante. Mi hanno arricchito anche le esperienze da responsabile a San Vittore Olona, San Giorgio su Legnano e ora a Canegrate. Insomma la mia è stata una vita nella scuola e devo dire che mi sono trovato sempre bene».

(Gea Somazzi)

TUTTI GLI EVENTI LEGATI ALLA MANIFESTAZIONE DEL 25 APRILE:

http://www.legnanonews.com/news/4/57853/25_aprile_a_legnano_le_
manifestazioni_in_programma_

 

LUNEDì 25 aprile 

- PIAZZA SAN MAGNO

Ore 10: ritrovo , corteo e deposizione corona al monumento ai partigiani in largo Tosi e ricevimento delle autorità

10.15:esecuzione dell’inno nazionale a cura degli studenti delle scuole primarie De Amicis e Don Milani

-Commemorazione del sindaco Alberto Centinaio

-Interventi di ragazzi e ragazze delle scuole secondarie di Legnano

-Commemorazione del presidente A.N.P.I Legnano , Luigi Botta

-Esecuzione del canto degli studenti delle scuole primarie De Amicis, Don Milani e degli alunni dell’istituto Carlo Dell’Acqua

-Sfilata del corteo per il cimitero di corso magenta  

- CIMITERO MONUMENTALE

-Lettura della preghiera del partigiano

-Momento di riflessione a cura di don Fabio Viscardi e benedizione alle tombe

- ORATORIO SS.MAGI

Ore 16: Concerto del Corpo Bandistico Legnanese

Ore 17:Commemorazione da parte dell’assessore alla cultura , Umberto Silvestri e del presidente A.N.P.I. Legnano Luigi Botta

- CENTRO SOCIALE SANDRO PERTINI

Ore 15 : concerto del gruppo Modena City Ramblers


ASPETTANDO IL 25 APRILE..

- Venerdì 15 aprile: Palazzo Leone da Perego, alle 20.45 “Legnano dopo la Liberazione 1945/46”, conferenza di Renata Pasquetto e Giancarlo Restelli con “i Numantini”

- Sabato 16, Martedì  26 e Sabato 30 Aprile: Sala Ratti, ore 9, "Le Stragi Naziste in Italia” (per gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado"

- Giovedì 21 aprile: Palazzo Leone da Perego, alle 20.45 mostra "Dal pane nero al pane bianco”, presentazione di Primo Minelli e Renata Pasquetto

- Venerdì 22 Aprile: centro sociale S.Petrini, via dei salici, ore 21, serata dedicata a Sandro Petrini: musica, testi e testimonianze

- Sabato 23 aprile: Teatro Città di Legnano T. Tirinnanzi, piazza IV Novembre “L’Arte della Resistenza”: performance di artisti legnanesi dedicata al 25 aprile: musica, poesie, canto e teatro

- Sabato 23 aprile ore 11.00 alla Galleria Cantoni inaugurazione mostra “Dal pane nero al pane bianco"

- Da sabato 23 aprile a domenica 1 maggio alla Galleria Cantoni mostra “Dal pane nero al pane bianco"

- Domenica 24 aprile, festa al Centro Sociale S.Petrini: alle 15 momenti di intrattenimento, mostra A.N.P.I. dedicata alla Resistenza, poi alle 21 "visione del ’43", serata con “Gli amici del teatro"

Iscriviti alla Newsletter

Prossimi eventi